mercoledì 10 novembre 2021

Saggi proverbi della Sardegna su destino umano e fatalismo


1. Nisciunu si nelza' biadu, chena essere interradu
Nessuno sia detto beato, prima di essere sepolto

2. Si ti cheres bantadu, moritìnde
Se vuoi essere elogiato, devi morire

3. Legge, e non pena, è su morere
Il morire è legge, e non pena

4. Qui vivit isperende, morit cantende
Chi vive sperando, muore cantando

5. Non benit morte qui iscuja mancat
Non viene morte che non abbia ragione

6. Isperantia morta intristat de pius
Speranza morta rattrista di più

7. Quandu su male est de morte, su meigu est cegu
Quando il male è mortale, il medico è cieco

8. Sa morte non jughet ojos
La morte non ha occhi

9. In su nascher et in su morrer sempre bi hat ispesa
Nel nascere e nel morire, si paga sempre un tributo

10. Contra ad sa morte, non bi hat herba in corte
Contro la morte, non esiste erba (rimedio) nel cortile

11. Ad su mortozu current sos corvos
Sul cadavere si avventano i corvi

12. Da l'alburu cadutu, dugnuni faci ligna
Dall'albero caduto, ognuno fa legna

13. Su mundu est tundu, et qui non ischit navigare falat a fundu
Il mondo è tondo, e chi non sa navigare cala a fondo

14. Su mundu pagat male
Il mondo paga male

15. In su nascer et in su morrer totus semus chi pare
Nel nascere e nel morire siamo tutti uguali

16. Su mundu rodet
Il mondo divora

17. Homine affortunadu pius raru chi sos caddos birdes
Uomo fortunato più raro che cavalli verdi

18. Mezus fizu 'e sorte, chi non fizu 'e Re
Meglio figlio della fortuna, che figlio di Re

19. A prangher'e a rier', toccad'a die a die
A piangere ed a ridere, tocca di giorno in giorno

20. Su mundu est una vasa, chie è pianghende oe, e chie cras
Il mondo è un gioco: chi piange oggi e chi domani

21. Chie nd'à agu, non nd'à filu, et chiend' a filu non nd'à agu
Chi ha l'ago non ha il filo, e chi ha il filo non ha l'ago

22. Sorte currede, e non caddu
È il destino che corre, e non il cavallo

23. Chie non è ruttu, podè ruere
Chi non è caduto può cadere

24. In dogni giannitta b'a giaos, ma pius in sa gianna mea
In ogni porta vi sono dei chiodi, ma non come nella mia porta

25. Iscuru a quie naschet in malu astru
Sventurato chi nasce sotto cattiva stella

26. Mezus fertu de balla, qui non de machine
Meglio colpito da pallottola, che da pazzia

27. Sa frebba atterrat finza su leone
La febbre prostra perfino il leone

28. Dogni puddu cantada a ora sua
Ogni gallo canta a tempo debito

29. A su dispiachere, mesu litru
Al dispiacere (rimedia con) mezzo litro

30. Frades andane, frades bènini, su cumbentu ja è firmu
Frati vanno e frati vengono, ma il convento è sempre fermo

31. Lea su tempus cum tèmpera
Prendi il tempo con saggezza

32. A caddu lanzu, musca meda
A cavallo magro, molte mosche

33. Sos istrazzos i sa paza lis lea su bentu
Gli stracci e la paglia se li porta il vento

34. Herva mala, sorte bona; herva bona, sorte mala
Erba cattiva, sorte buona; erba buona, sorte cattiva

35. Dae sa rosa impara, humana bellesa, chi hat ind'una die pompa er sepoltura
O umana bellezza, rifletti sulla rosa che nello stesso giorno trionfa e muore

36. Mundu, ingannadu m'has male; terra so et terra fia, et terra hap'a tornare
Mondo, mi hai tristemente ingannato; polvere sono e polvere ero, e polvere devo ridiventare (14)

37. Hoe ad mie, cras ad tie
Oggi a me, domani a te


Nota

(1) È il destino di ogni uomo, motivo presente anche nella antica lirica greca.


Nessun commento:

Posta un commento