mercoledì 10 novembre 2021

Saggi proverbi della Sardegna su giustizia e omertà


1. Justitia pronta, vindicta facta
Giustizia immediata, vendetta compiuta

2. Mezus terra senza pane, que terra senza justitia
Meglio paese senza pane, che paese senza giustizia

3. Justitia noa, ferramenta acuta
Giustizia nuova, ferro aguzzo (1)

4. Pustis de sa justitia, benit sa morte
Dopo la giustizia, viene la morte (2)

5. So justu pianghet pro su peccadore
Il giusto piange per il colpevole

6. Qui non pagat in lagrimas, pagat in suspiros
Chi non paga in lacrime, paga in sospiri

7. Qui comandat faghet lege
Chi comanda detta legge

8. Sa lege est pro atere, non pro quie la faghet
La legge è per gli altri, non per chi la fa

9. Facta sa lege s'incuntrat s'ingannu
Fatta la legge si trova l'inganno

10. Si non lu pranghet tuo filione, lu pranghet tuo nepotone
Se non lo piange tuo figlio, lo piange tuo nipote

11. Giustissia chi falla, giustissia de balla
Giustizia che manca, giustizia di pallottola (3)

12. Su demoniu faghet paeddas, ma non cobertores
Il demonio fa le pentole, ma non i coperchi

13. Mezus battagliare giustissia chi non macchine
Meglio combattere con la giustizia che con la pazzia

14. Ghie tantas nde faghe una nde pianghe
Chi tante ne commette, una (per tutte) ne piange

15. Ghie pigat a sa giustissia, pigat in contu a su focu
Chi va a cercare la giustizia, va incontro al fuoco

16. Qui furat pro atere, impiccat ad ispe et totu
Chi ruba per gli altri, impicca se stesso

17. Ad s'inimigu parare, ad sa justitia fuere
Opporsi al nemico, sottrarsi alla giustizia

18. Qui hat favore in corte, non morit de mala sorte
Chi ha favore in corte, non muore di cattiva sorte

19. Ognune dat contu de sa bertula sua
Ognuno renda conto (del contenuto) della propria bisaccia (4)

20. Si ti queres sanu, faedda pagu
Se ti vuoi incolume, parla poco

21. Dae su «no» non si tinghet papiru
Dal «no» non si imbratta carta

22. Si limba faddit, sa morte la isconzat
Se la lingua sbaglia, la morte la tronca

23. Qui troppu faeddat est subjectu ad isbagliare
Chi parla troppo è destinato a sbagliare

24. Faeddare pagu, sabidoria meda
Parlare poco, grande saggezza

25. Quie non queret ballare, non andet a sa festa
Chi non vuol ballare, non vada alla festa

26. Quie est fora de ballu, ballet bene
Chi se ne sta fuori dal ballo, balla bene

27. Non faeddu senza ancu, non pedde senza fiancu
Non parola senza errore, non pelle senza fianco (5)

28. Faedda pagu, pro non ti faddire meda
Parla poco, per non pentirti molto

29. Faedda pagu, qua si non t'istroppias
Parla poco, se no ti storpi

30. Sos faeddos importunos sunt que festa in domo de mortu
Le parole inopportune sono come festa in casa di morto

31. Las paraulas pensa, innantes' e las bettare
Sulle parole rifletti, prima di pronunziarle

32. Si intendes faghedi surdu, si 'ides faghedi zegu
Se ascolti fatti sordo, se vedi fatti cieco

33. Su chi ischi(t) su foghile, chi non l'iscada su giannile
Quello che sa il focolare, non lo sappia la porta

34. Su chi est intro su coro l'ischit Deus et i su punzone
Ciò che sta dentro il cuore lo sanno Dio e il pugnale

35. In corpus de unu monte si podet intrare, in coro de unu nomine no.
Nell'interno di un monte si può entrare, nel cuore di un uomo no.

36. In cosa qui non t'importat, mancu ti bi dies bolta
In cosa che non ti interessa, nemmeno uno sguardo

37. Su murmuradore o a balla o a prisone
Il delatore (merita di essere punito) con pallottola o con prigione

38. Ae su limbubu, su berudu
A chi parla troppo, il forcone

39. Qui non ischit cagliare, non ischit gosare
Chi non sa tacere, non sa godere (6)

40. Sas faulas non imbezzant mai
Le calunnie non invecchiano mai

41. Sa faula bessit, o a tardu o a pressi
La bugia si scopre, o tardi o presto

42. Cosa de duos, cosa de niunu; cosa de tres, de totu su mundu est
Cosa di due, cosa di nessuno; cosa di tre, è di dominio pubblico

43. Sa consientia est qu'et su coricori, quie lu timet et quie non
La coscienza è come il solletico, vi è chi lo teme e chi no

44. Confida in totu, et fidadi de pagos
Confida in tutti, e fidati di pochi

45. Qui faghet sos factos suos non s'imbruttat sa manos
Chi pensa ai fatti propri non si insudicia le mani

46. A cosa facta non balet impudu
Commesso un fatto non vale pentirsi

47. Baccas lantades, non est de badas
Vacche ferite, non è senza ragione

48. Dai sas limbas anzenas, sos ateros nd'ana sas penas
Dalle lingue degli estranei, gli altri ricevono danni

49. Qui hat covertura de bidru non bettet pedra a domo anzena
Chi ha il tetto di vetro, non scagli pietra in casa altrui

50. Chin su tempus cada chera a focu 'enidi
Col tempo ogni cera viene al fuoco

51. Qui de ferru ferit, de ferru perit
Chi di ferro ferisce, di ferro perisce

52. Prima pessa, poi messa
Prima riflettere, poi agire

53. Chie non cheret intendere, non niet
Chi non vuoi sentire, non parli

54. Paraulas maccas, oricras surdas
Parole stolte, orecchie sorde

55. Su toppu andada a pianu, e i su faularzu s'iscoada
Lo zoppo va piano, e il bugiardo viene scoperto

56. Da istinchedda s'est factu fogu mannu
Da una scintilla è scaturito un incendio

57. A quie meda faeddat, musca in gula
A chi parla troppo, mosca in gola

58. Nezessidade non hat lege
Necessità non conosce legge (7)

59. Qui filat fune ad atere, s'instrangugliat ipse e totu
Chi fila la corda agli altri, impicca se stesso

60. Failarzu, culpa su ferru tou
Fabbro, batti il tuo ferro

61. Is ballus de Carnevale si prangint in Caresima
I balli di Carnevale si piangono in Quaresima

62. Chi andada iscrutande murumuru, sos males suos iscrutada
Chi va ascoltando rasente il muro, ascolta la sua rovina

63. Chie hat dinare cumparit innossente
Chi ha soldi riesce a dimostrarsi innocente

64. Paraulas chi non chero intender, in palas 'nche la prendo
Parole che non voglio sentire, me le lego dietro le spalle

65. Hat appiu su meritu suo
Ha avuto ciò che merita

66. Lu hat pacatu Deus
Lo ha punito Dio

67. Lezzes meda, populu miseria
Molte leggi, popolo disgraziato


Note

(1) Cioè: penetrante, efficace.
(2) Il detto si presta a due interpretazioni: una volta ottenuta giustizia, si può anche morire; oppure: la giustizia rappresenta, nella vicenda umana, un fattore ancor più importante e solenne della stessa morte.
(3) Perché l'offeso, non ottenendo piena soddisfazione attraverso i pubblici poteri, si ritiene legittimato a farsi giustizia da sé.
(4) Cioè: risponde del proprio operato.
(5) Il detto, nella sua struttura, vuole ricordare che parlando si sbaglia, e si presta il fianco alla ritorsione dell'offeso.
(6) Il subordinare la possibilità di vivere «felicemente» al fatto, condizionante, di non interessarsi dei casi altrui, è sempre stato un motivo ricorrente nel gergo popolare e, soprattutto, banditesco.
(7) Riferimento alla legittima difesa.


Nessun commento:

Posta un commento